Parla la classe

Perché la I B ha deciso di creare il blog sull’Odissea?

(di Martina Spada)

Se qualcuno chiedesse che cosa sia l’Odissea, tanti sarebbero convinti di saper rispondere e racconterebbero per sommi capi il viaggio di ritorno in patria di Odisseo. In realtà, solo pochi conoscono interamente le sue vicende, i dettagli e i significati allegorici.

Tra quelli che hanno letto l’intero poema, probabilmente c’è chi lo ha fatto con piacere, chi per forza e chi, purtroppo, dopo i primi canti ci ha rinunciato. Dico purtroppo perché l’Odissea non è il poema incomprensibile e noioso che potrebbe sembrare, ma è l’opera che attraverso la figura di Odisseo (modello di uomo da seguire) mostra i valori, le difficoltà e i pericoli che ricorrono tutt’ora nella nostra vita. Ci mostra anche che grazie alla forza di volontà, alla determinazione e, perché no, all’astuzia, ogni cosa può essere risolta, e così ognuno può arrivare alla sua Itaca.

Questo, noi della I B, lo sappiamo molto bene, giacché siamo tra quei pochi coraggiosi che si sono cimentati nella lettura completa dell’opera. Tuttavia siamo consapevoli che non tutti hanno il nostro stesso coraggio, così abbiamo pensato di creare un blog online sull’Odissea, proponendovi un modo moderno e originale di conoscere veramente questo capolavoro.

Le vicende sono narrate dallo stesso Odisseo (di cui abbiamo anche la carta d’identità!!), il quale si racconta nel suo diario.

Se, come speriamo, qualcuno si appassionerà alla vicenda, potrà leggere anche tutti i canti del poema (in italiano), perché li abbiamo inseriti nel blog.

Non mi resta allora  che augurarvi buona lettura!

********************

Perché questo lavoro?

(di Marta Tizzano)

Per introdurre il nostro progetto crediamo sia utile spiegare il motivo per il quale abbiamo deciso di realizzarlo.

Per cominciare, uno dei motivi è stato quello di riunirci come classe in un lavoro di gruppo, per avere un ricordo di qualcosa fatto insieme…

Ma perché proprio questo blog? E perché sull’Odissea?

Il perché del blog è semplice: dopo aver letto il libro, volevamo rendere quest’opera, così antica, più vicina ai nostri giorni mediante le nuove tecnologie e il linguaggio di noi giovani.

Perché l’’Odissea: perché volevamo rilanciare l’opera, rielaborandone il testo in modo originale, con qualche piccola libertà, per mostrare che Odisseo, in fondo, è  come “il  ragazzo della porta accanto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: