Pubblicato da: maria rosa orrù | 2 marzo 2010

Il pianto dopo il canto di Demodoco

Stamattina, all’alba, Alcinoo ha indetto l’assemblea cittadina (curioso: i Feaci si riuniscono presso le navi…). Quando tutti si sono seduti, Alcinoo ha preso parola e ha parlato un po’ di me, anche se io non ho ancora rivelato chi sono: ha parlato di un naufrago anonimo appena arrivato.

Fortuna che anche i  Feaci  hanno un forte senso dell’ospitalità.  Alcinoo, infatti, ha dato ordini perché fosse preparata per me una nave ed io possa tornare finalmente ad itaca. Poi ha fatto chiamare Demodoco, un bravissimo cantore che sembra ispirato da un dio nel canto, perché rallegrasse il banchetto a cui, di lì a pochi minuti, tutti principi avrebbero partecipato, me compreso.

Dopo cena Demodoco ha preso la cetra e ha cominciato il canto: ahimè, ha cantato della lite tra me e Achille a Troia e non ho potuto trattenere le lacrime, nonostante la vergogna di essere visto. Ho nascosto il viso meglio che potevo con la veste e per fortuna nessuno se n’è accorto, a parte Alcinoo, suppongo, perché dopo un po’ ha fermato  il canto di Demodoco e ha proposto di uscire e di partecipare ai  giochi, vantandosi anche che il suo popolo era il migliore nella lotta,  nella corsa e nel salto. Ed è vero. E anche nella danza! Infatti, al termine dei giochi mi hanno mostrato una delle loro danze e sono semplicemente rimasto a bocca aperta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: